Controllo alternatore – regolatore

//Controllo alternatore – regolatore

Esistono due modi per verificare che la batteria viene regolarmente caricata: o si aspetta che si scarichi del tutto (e quindi rimanete a piedi o, nella migliore delle ipotesi, al buio nel caso di Scrambler con accensione elettronica) oppure si perdono 2 minuti a fare una misura con un tester. Il tester da utilizzare deve essere tassativamente di tipo analogico oppure uno digitale di buona qualità. Il problema è che se utilizzate un tester digitale da 15€ i disturbi elettrici presenti sul circuito elettrico andranno a falsare la lettura. Prendete il tester, mettetelo su Volt in continua (fondo scala 10V) ed attaccate i puntali al + e – della batteria. A moto spenta dovrete misurare circa 6,2/6,4 volt (dipende dalla batteria e dallo stato di carica). Accendete la moto e date un pò di gas, la tensione dovrebbe salire di circa un volt ed andare a 7,4V (questi sono i valori che ho misurato sulla mia moto partendo da una batteria completamente carica). Già da questo potremmo dire che qualcosa funziona. 🙂

Qualora non ci sia variazione di tensione, controllate prima tutti i cavi e poi passate al controllo del regolatore e dell’alternatore; iniziamo proprio da quest’ultimo.

Dall’alternatore escono tre fili: due gialli (chiamiamoli Giallo1 e Giallo2) ed uno Rosso. Misurate se c’è continuità tra Giallo1 e Rosso e tra Giallo2 e Rosso (ad essere più precisi, a motore freddo, misurate la resistenza tra Giallo1 e Rosso e tra Giallo2 e Rosso, dovreste leggere il solito valore ossia 1.6/1.7ohm). Se non c’è vuol dire che uno dei due avvolgimenti è interrotto. Altra prova da fare sull’alternatore è quella di mettere il tester su Volt in alternata, fondo scala 50V e misurare la tensione tra Giallo1 e Rosso e Giallo2 e rosso con il motore acceso. In entrambi i casi, al minimo, dovreste misurare circa 5V, dando delle belle sgasate dovreste arrivare a 25V, probabilmente con il motore a pieni giri potreste arrivare a 35-40V.

Ultimo test, quello del regolatore. Sul regolatore ci sono 5 ingressi che sono: due gialli ed un rosso provenienti dall’alternatore, un rosso che va alla batteria ed un marrone che viene dal quadro e che poi va alla bobina. Tra tutti questi ingressi, gli unici che sono collegati (o meglio quelli per cui il tester dà continuità) sono i due rossi.

In ogni caso anche se tutto funziona correttamente fate una buona manutenzione dell’impianto elettrico andando ad ispezionare ogni singolo filo ed ogni singolo contatto. Pulite tutti i faston ed in caso sostituiteli, assicuratevi comunque che non abbiano gioco quando inseriti (specialmente sul regolatore). Tenete puliti i contatti di massa che si trovano uno attaccato al regolatore di tensione ed un altro attaccato al supporto della bobina. Una buona massa fa si che l’impianto lavori bene. Tenete ingrassati i contatti sulla batteria. Verificate che non ci siano dispersioni: staccate il marrone dal regolatore ed a motore fermo e luci spente accendete il quadro, l’assorbimento di corrente deve essere nullo (misuratelo con un tester).  

Date un occhio a questi due file:

Come sempre, se qualcuno ha valori più precisi o misure più accurate me lo faccia sapere.

Aggiornamento Ottobre 2012

L’amico Diomars (che ringrazio molto) mi ha gentilmente inviato i valori letti sul suo Scrambler:

  • resistenza avvolgimento alternatore: Giallo1-Rosso e Giallo2-Rosso pari a 1,7Ohm.
Ringrazio chiunque abbia voglia di mandarmi i valori della propria motocicletta. Più esperienze vengono condivise, più informazioni vengono raccolte e più facile diventa mettere le mani su queste motociclette. 🙂
By | 2017-05-20T14:27:20+00:00 aprile 14th, 2012|Restauro Ducati Scrambler 250 (by Luke)|5 Comments

5 Comments

  1. toni 1 novembre 2012 at 15:51 - Reply

    ciao a tutti ho una scrambler 450 e ho un problema l,alternatore non carica e l,ho levato solo che non so dove ci sia qualcuno che li rpara grazie

    • luke3d 1 novembre 2012 at 21:21 - Reply

      ciao Toni, mi dispiace ma non conosco nessuno che ripara l’alternatore.
      saluti

  2. Toni 6 giugno 2013 at 08:51 - Reply

    ciao luke volevo ringraziarti per tutti i consigli che hai dato. Ho appena finito di restaurare la mia 450 del 1970.e gran parte lo devo a te.scusa se non ti ho mai scritto ma io e il conputer non andiamo molto daccordo. Grazie ancora.Toni

  3. Alberto 30 dicembre 2017 at 12:47 - Reply

    Ciao Luke complimenti per il tuo lavoro, con regolarità ritorno a vedere il tuo sito web per prendere spunti per i miei veicoli.
    Anche io ho problemi con uno scrambler 350 che parte bene con la batteria appena ricaricata, ma dopo qualche decina di secondi si mette e scoppiettare per poi spegnersi e non vuole saperne di tornare a riaccendersi.
    Credo che il problema sia elettrico, sto facendo delle verifiche intorno al regolate e l’alternatore, ho letto che tu hai misurato valori di resistenza tra gli avvolgimenti intorno a 1,7 ohm, ti chiedo se il valore è al netto della resistenza dei fili del tester o al lordo. Nel mio caso quel valore lo ottengo se sommo anche la resistenza dei fili del tester usato per la prova, mentre se la scomputo dal calcolo ottengo valori nettamente più bassi, intorno a 0,6ohm per ogni bobina, misurando ai connettori ( scollegati) vicini al regolatore di tensione.
    Saluti

    • luke3d 30 dicembre 2017 at 18:04 - Reply

      ciao, il valore è quello che ho letto sul tester, quindi con inclusa la resistenza dei cavi.
      In realtà ho sempre trascurato la resistenza dei cavi, ma effettivamente per valori così bassi il cavo non è ininfluente.
      Dovrei avere da qualche parte una bobina, appena ho un attimo rifaccio la prova.
      Grazie per il commento.
      saluti

Leave A Comment